domenica 7 aprile 2013

Oleoliti: cosa sono e come si preparano

Cos' è un oleolito?

L' oleolito è un olio vegetale all'interno del quale è stata fatta macerare una pianta ( si può trattare di una pianta secca o di una pianta fresca ).

L'olio è utilizzato come solvente per estrarre sostanze utili e benefiche dalle piante!

Gli oleoliti sono facili da realizzare, utili e versatili, essi, infatti, possono essere usati, sia tal quali, come olii da massaggio o anche come ingredienti per unguenti e creme. 


Come scegliere l'olio? 


L'Olio di Girasole è quello che meglio si adatta allo scopo. Infatti esso risulta il migliore per estrarre i principi attivi delle piante, tuttavia in alcuni casi vengono utilizzati altri oli vegetali (come olio di jojoba, olio di riso, olio di mandorle dolci, olio d'oliva ecc)




Quale pianta usare?

La pianta viene scelta in base all'utilizzo che si vuole fare dell'oleolito

è bene quindi documentari sulle proprietà di ogni pianta per poter scegliere quella più adatta. Inoltre bisogna tener presente che i principi attivi di alcune piante non sono liposolubili, e perciò non è possibile estrarli tramite questo processo.

N.B.  Non dobbiamo dimenticare che vi sono casi in cui l'uso di determinate piante è sconsigliato, quindi è bene documentarsi anche sulle controindicazioni oltre che sulle proprietà delle piante.


Meglio la pianta fresca o secca?


Bisogna tenere presente che anche se usare la pianta secca sia molto più pratico, in quanto riduce il rischio di irrancidimento dell'olio dovuto alla parte di acqua presente naturalmente nella pianta fresca, Vi sono alcuni casi in cui è necessario l'utilizzo della pianta fresca (Come ad esempio nel caso dell'Oleolito di Iperico)



Come si prepara?

La preparazione di oleolito è un processo molto semplice, che tutti possono facilmente eseguire.


Ecco ciò di cui abbiamo bisogno:




  • un barattolo di vetro
  • una pianta/droga a nostra scelta (si può trattare di foglie, fiori, radici ecc)
  • un olio vegetale a nostra scelta 


PROCEDIMENTO

- Preparazione


Per preparare un oleolito, non abbiamo bisogno di avere una ricetta particolare, è sufficiente porre in un barattolo con chiusura ermetica (pulito e asciutto) la droga scelta e ricoprirla interamente con l'olio facendo attenzione che quest'ultima non ne fuoriesca! 

EDIT esiste tuttavia una ricetta "ufficiale" che prevede l'uso si 10gr di droga in 100 di olio di girasole ( inoltre se la pianta è coriacea, come nel caso delle radici è bene aggiungere anche 10 gr di alcool sulla pianta prima di mischiarla all'olio).


-  Digestione


 1.Metodo a freddo o Digestione tradizionale 

Il composto va lasciato riposare per 30-40 giorni circa in un luogo asciutto e buio, ricordandosi di agitare il barattolo di tanto in tanto.

2.Metodo a caldo o Digestione "a calore" (solare o bagnomaria)*


Si tratta senza dubbio di un metodo più veloce ed immediato, ma bisogna fare attenzione perchè iin questo caso il rischio di irrancidimento aumenta!



  • 2a. Solare Il barattolo (preferibilmente in vetro scuro o coperto da una stagnola) in cui sono stati posti olio e droga, va lasciato al sole durante il giorno e al buio appena il sole va via.  Grazie al calore solare, i principi attivi vengono estratti più velocemente, questo metodo, infatti, richiede circa 15 di giorni. 
  • 2b. A bagnomaria il barattolo in questo caso va tenuto per circa 2 ore a bagnomaria in acqua calda, meglio se a fuoco lento (la temperatura dell'olio non deve superare i 45°). Per ottenere un oleolito più ricco, ripetere più volte l' operazione con della nuova droga. Poi  è necessario tenere l'oleolito così ottenuto in un luogo buio per una settimana.


*questo metodo è preferibile se si utilizza una pianta fresca

-  Filtraggio


1. Prende un altro vasetto pulito e asciutto e procedo ad un primo filtraggio con l'ausilio di un imbuto e di un panno in cotone pulito e non trattato, poi pesto bene la pianta rimasta all'interno del colino in modo da far uscire più olio possibile.


A questo punto per ottenere un olio più limpido, se lo si desidera, si può procedere ad un secondo filtraggio

(Alcuni lasciano riposare l'oleolito per un paio di giorni prima di passare al secondo filtraggio)


2. Filtrare l'oleolito con l'ausilio di un filtro da caffè (o carta da filtro)


Infine, poiché durante questo processo si perde dell'olio sarebbe necessario riportare a volume l'oleolito. si procede pesando l'olio ottenuto e aggiungendo la quantità mancante d'olio sulla droga precedentemente usata, infine  si  rimettere il tutto a bagnomaria per 10 -15 minuti e si procede nuovamente al filtraggio con il panno in cotone!

L'oleolito si conserva al buio, in boccette o barattoli di vetro scuro o in normali barattoli ricoperti di carta stagnola.
- Se si desidera aumentare il tempo di conservazione è possibile aggiungere all'oleolito alcuni antiossidanti, ecco alcuni esempi: 



  • Tocoferolo: (Vit. E) ottimo antiossidante, ne basta una piccola quantità.
  • Aperoxid (composto formato da lecitina , acido ascorbico , acido citrico , tocoferolo) anche in questo caso ne bastano pochissime gocce.
  •  Rosmarino è possibile anche utilizzare un rametto di rosmarino per aiutare la conservazione dell'oleolito.


A questo punto l'oleolito è pronto! Non vi resta che utilizzarlo! :)

Se siete interessati all'argomento sappiate che presto pubblicherò nuovi post riguardo l'uso e le proprietà dei vari oleoliti! 










Fonti :
lola.mondoweb.net 
arcadia.forumup.it

38 commenti:

  1. l'anno scorso ho fatto quello di iperico in olio evo+riso, lavanda-camomilla-calendula in mandorle+girasole e infine curcuma-mallo di noce in sesamo. li uso tutti moltissimo e quest'anno mi piacerebbe farne altri, ma non ho tanto tempo per deciarmi alle ricerche. se pubblichi qualche dritta mi interessa molto! ti seguo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il tuo commento Elena! Farò sicuramente nuovi post sull'argomento :)

      Elimina
  2. E' un mondo tutto nuovo per me. I tuoi post li trovo molto interessanti e utili!
    Alessia
    THE CHILI COOL
    FACEBOOK
    Video Insta-chili YOUTUBE
    Kiss

    RispondiElimina
  3. Proponi post sempre molto interessanti ^_^


    Baci ♥
    BecomingTrendy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mia! Mi fa piacere che ti piacciano i miei post! Baci =)

      Elimina
  4. Non conoscevo questa cosa.. interessante..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che tu abbia trovato l'articolo interessante! :) Grazie

      Elimina
  5. sai che non ne avevo mai sentito parlare!!!
    xoxo

    RispondiElimina
  6. Per un certo periodo ho avuto la fissa per L'oleolito alla calendula!Ottimo post!Veramente molto interessante!!!

    RispondiElimina
  7. Anche per me è un mondo nuovo,ignoravo totalamente questa procedura!Devo assolutamente approfondire!Ora ti seguo!



    Dai un’occhiata al mio blog ?

    mi trovi su facebook

    Le chat gourmand su fb


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Alessia! :) Passo a dare uno sguardo al tuo blog! =)

      Elimina
  8. Ma che bello creare degli unguenti con questo metodo! Sei bravissima!

    RispondiElimina
  9. Complimenti, il post è davvero interessante, grazie per le splendide info! Conosco un'amica appassionata di queste cose, sarà felicissima di leggere il tuo post!

    RispondiElimina
  10. davvero interessante:) grazie mille :)

    RispondiElimina
  11. Davvero interessante questo post!
    Non conoscevo questo metodo :)

    RispondiElimina
  12. Non conoscevo tutto ciò. Per me é una novitá. Proverò a farlo :-)No

    RispondiElimina
  13. Grazie per il post interessante, non sapevo nulla di tutto ciò!

    RispondiElimina
  14. post molto interessante grazie per tutte le informazioni che dai!

    RispondiElimina
  15. Un post interessantissimo! ben spigato e ricco di info che ingnoravo. Grazie

    RispondiElimina
  16. Grazie per questo pos molto interessante, avevo sentito parlare di questo prodotto, ma non conoscevo la ricetta e le sue proprietà. Buona giornata Daniela.

    RispondiElimina
  17. ne ho già sentito parlare ma non li ho mai fatti in casa. grazie delle info Laura

    RispondiElimina
  18. Grazie dei consigli molto interessanti!

    RispondiElimina
  19. Grazie per tutte le informazioni, non li ho mai fatti in casa, magari con i tui consigli ci provo!

    RispondiElimina
  20. non sapevo tutte queste cose, mi sono fatta una cultura leggendo il tuo articolo!!

    RispondiElimina
  21. un modo semplice, naturale e sicuro per fare degli olii per il corpo e non solo personalizzati ed efficaci, grazie delle info

    RispondiElimina
  22. grazie per i consigli, metodi e rimedi

    RispondiElimina
  23. non conoscevo queste cose il tuo blog e molto utile

    RispondiElimina
  24. è sempre un piacere leggere i tuoi post, queesto mondo dello spignatto è per me ancora inesplorato ma leggendoti mi appassiona molto

    RispondiElimina
  25. questo post è molto interessante... prima o poi devo provare! Laura P.

    RispondiElimina
  26. interessantissimo post, non conoscevo nè la tipologia di prodotto ne le sue caratteristiche

    RispondiElimina
  27. ma sai che non sapevo si dicesse cosi' "oleolito"???? quante cose imparo leggendo i tuoi post....mi piacciono tanto!

    RispondiElimina
  28. Ho letto con molto interesse il tuo post!grazie per le informazioni!

    RispondiElimina
  29. Articolo davvero interessante e ben scritto: accurato ed esplicativo, grazie

    RispondiElimina
  30. Prima o poi lo farò!!! grazie dei consigli chiari!!

    RispondiElimina

Se l'articolo ti è piaciuto, hai domande o semplicemente vuoi lasciarmi un saluto LASCIA UN COMMENTO sarà molto gradito! Grazie =)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...